Venezia, non espone l’ assicurazione: la multa è salata

Venezia, non espone l' assicurazione: la multa è salataOggi è stata una giornata che oserei dire più che triste per una mia amica (Arianna) che si trovata a pagare una multa abbastanza salata (450 euro circa) per avere dimenticato (ripeto dimenticato) di esporre il tagliando dell’ assicurazione per la sua auto, assicurazione che aveva comunque pagato giorni prima, ovviamente il vigile che ha elevato la contravvenzione non poteva saperlo e vedendo il vecchio tagliando scaduto ha fatto il suo dovere. Tuttavia, Arianna credeva che dimos trando (con tanto di ricevuta) che la polizza era stata pagata il tutto sarebbe finito nel migliore dei modi (con l’ annullamento della sanzione), ma purtroppo non funziona proprio cosi, la multa si deve pagare!
In questo caso mi sento di fare la solita “sfuriata” citando il mio “vecchio” detto: “alcuni diritti si possono togliere (li tolgono e basta), altri invece non li tolgono perché fanno molto comodo a più di qualcuno ma questo non basta, per complicare maggiormente la vita ai cittadini questi “diritti” sono riusciti (con l’ aiuto di tutti), a ritorcerteli contro in questo modo arriva un maggiore guadagno e la “torta” diventa più consistente.
Questo per dimostrare che a volte molti di queste controversie (se cosi possiamo chiamarle) potrebbero essere risolte in modo semplice e trasparente, ma credo che la “cosa” non avrebbe senso nessuno ci guadagnerebbe (come scritto sopra).
Ricapitoliamo: l’ assicurazione era stata pagata giorni prima, la “colpa” di Arianna è stata quella di dimenticare di esporre il nuovo tagliando, ma una volta presentata l’ attestazione del pagamento perché la multa non è stata annullata vista è accertata la buona fede della persona?
Alcuni (i soliti) stanno vivendo in mondo fantastico con i soldi dei contribuenti, chiede di vivere tutti in mondo migliore credo che sarebbe alquanto difficile sopratutto per quelli che non vogliono lasciare il “fantastico” perché è a costo zero.
Arianna ha voluto esprimere il suo disappunto con due righe postate su Facebook, ecco il testo: Qui c’è gente che ruba, va in galera ed esce il giorno dopo senza pagare nulla. Qui c’è gente che gira senza assicurazione auto e non paga nulla. Io, onesta cittadina non ho esposto il tagliando dell’assicurazione che avevo pagato e nonostante abbia portato la raccomandata di ricevimento dalla quale si poteva evincere che avevo pagato e per tempo oggi HO PAGATO 447,40 euro di multa! Robe dell’altro mondo anzi ROBE ITALIANE…. W l’Italia.
Da queste poche righe che Arianna ha scritto traspare tutta l’ amarezza di un sistema che è alla deriva (per il cittadino), quando però qualcuno deve incassare tutto funziona e anche bene, molto bene! Arianna potrebbe fare ricorso, e già questo è un’ altro di quei diritti che non hanno tolto (Il ricorso), il motivo tuttavia è ovvio e fa parte di un grande “cerchio” che è impossibile “quadrare”, il ricorso in questione potrebbe costare abbondantemente più della multa stessa, fino a 4/5 volte tanto.
Personalmente e visto che nel nostro Paese tutto si paga a caro prezzo (i carburanti per auto i più cari del mondo) l’ assicurazione dell’ automobile dovrebbe essere compresa nel costo dei carburanti, così come il “bollo” auto, questo eviterebbe anche spiacevoli inconvenienti sopratutto con persone che non pagano entrambe le 2 “tasse” e oltretutto si pagherebbe solo per l’ uso effettivo del mezzo usato (automobile scooter, moto ecc..), ma credo sia improbabile se non addirittura impossibile, un operazione simile diminuirebbe (forse diventerebbe meno controllabile) il diametro della “torta” non si può fare assolutamente!
Negli ultimi 20 anni si è provveduto solo a complicare in modo tremendo la vita del cittadino, ognuno di noi passa gran parte del suo tempo a pagare tasse e balzelli vari che che nella maggior parte dei casi potrebbero essere “raggruppati” se non addirittura eliminati (questa è un’ altra mia ipotesi da sognatore), ricordatevi comunque di esporre il tagliando dell’ assicurazione, perché dimenticarlo potrebbe costavi molto caro.
Se volete commentare, aggiungere/correggere quanto da me scritto vi invito a scrivere un messaggio. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*