YouTube, per la libreria musicale attenti al Copyright

YouTube, per la libreria musicale attenti al CopyrightSto avendo delle “grane” con le tracce musicali di YouTube, parlo di quei file audio che si posso trovare nella libreria musicale che lo stesso YouTube mette a disposizione che credo (a questo punto il condizionale è d’ obbligo), siano gratuite, ed esenti dal copyright. Non riesco a capire come “funziona”, fino adesso ne ho usate diverse, ma per qualcuna il sistema di Content ID del network più famoso del mondo si confonde (almeno credo, anche qui il condizionale  è d’ obbligo); personalmente comincio a preoccuparmi, ma soprattutto vorrei capire se queste benedette tracce audio sono esenti da copyright o no!
Oppure sapere se alcune lo sono ed altre no! Nel mio canale ho diversi video “sonorizzati” con tali file audio, ma 2 filmati in particolare mi stanno facendo “prendere paura”, nel senso che qualche traccia audio mi viene contestata da diverse Case Discografiche (come contenuto di terze parti) è lo stesso YouTube mi avvisa che in caso di un mio reclamo (come ad esempio: il fai use) lo stesso canale potrebbe essere chiuso (nell’ ipotesi migliore)!
In casi estremi, forse potrei essere anche denunciato! Nel caso dei miei 2 video ho invocato il Fair Use, è l’ unico reclamo che più si avvicina per le tracce audio “incriminate” (purtroppo YouTube nella sua “infinita saggezza e grandezza, non ha ancora previsto una contestazione in tal senso).
Vediamo nel dettaglio cosa mi è successo: un paio di settimane fa mi reco in una zona del comune dove abito (Mira in provincia di Venezia) per riprendere con la video camera “la festa della befana”, durante la manifestazione è anche previsto un Presepe Vivente con figuranti, la festa è bella e merita di essere “ripresa”; giunto a casa edito subito una parte del filmato (5 minuti circa) ma diventa impensabile usare l’ audio originale perché in sottofondo si sentono delle canzoni molto famose e si udiscono abbastanza bene, decido quindi di sostituire l’ audio originale, e al loro posto inserisco le tracce audio di YouTube (quelle Natalizie) che in questo caso risultano idonee al mio scopo, alla fine dell’ editing video inserisco il filmato sul mio canale YouTube e resto tranquillo; qualche giorno dopo uso le stesse tracce nel filmato dell’ intero video (60 minuti), e carico il tutto nel canale.
Questa volta resto tranquillo ma non per molto, dopo qualche ora vado a dare la classica “occhiatina” se il video (lungo) fa successo, e vedo che YouTube ha inserito la pubblicità segno evidente che qualcosa non quadra, “entro” e con mio stupore vedo la classica stringa blu che mi avvisa che ci sono corrispondenze con contenuti di terze parti, nel dettaglio, la traccia che viola i diritti d’ autore (di 2 Case Discografiche) risulta essere “Jingle Bells (Vocals)”, non sono convinto e vado a cercare in rete le canzoni corrispondenti: una ha per titolo “Jingle Bells” sembra uguale ma non lo è, l’ altra “Barrington Levy’s Yard Style Christmas 1” ha la stessa sonorità, ma e un genere diverso.
Decido di contestare, è per farlo uso il “fair use” con la descrizione che la musica inserita nel video è stata prelevata dalla libreria musicale di YouTube; aspetto qualche minuto e noto che una delle Case Discografiche ha già abbandonato il reclamo, per l’ altra devo attendere circa un mese per la risposta.
Chiudo e vado a dormire, la mattina seguente mi collego, e noto che sono state ripristinate le “statistiche” (che in caso di reclamo/contestazione vengono disabilitate), il mio reclamo aveva avuto esito positivo, infatti vado a controllare e noto che è tutto sparito, non c’è più la violazione di copirhit! Tranquillo? Non proprio, avevo come una sensazione che qualcosa non quadrava, la mattina seguente nel mio video c’è di nuovo la pubblicità! Ricontrollo, e saltano fuori altre 3 Case Discografiche che reclamano i diritti sempre su “Jingle Bells (Vocals)”.
Jingle Bells, è una canzone famosissima, ed è stata incisa in diversi modi, vado a controllare è anche in questo caso le 3 canzoni di proprietà di terzi risultano essere diverse nello stile, ma hanno tutte la stessa e solita “aria” di Jingle Bells.
Non mi resta che fare lo stesso reclamo come il precedente, ma questa volta devo attendere la risposta nel mese di Febbraio (speriamo bene). Finisce qui? No! Qualche giorno fa un mio “collaboratore” mi porta un’ altro filmato di un Presepe Vivente, ancora più bello e rinomato; lo edito ed anche in questo caso devo togliere l’ audio originale ed inserire la musica offerta da YouTube, evito ovviamente di inserire “Jingle Bells (Vocals” (non si sa mai) e finito il montaggio (circa 40 minuti di video) lo “posto” sul canale YouTube, tutto OK? No!
Dopo qualche giorno arriva la pubblicità, controllo e in questo caso la traccia contestata è “Messiah_by_Handel” e viene reclamata da ben 8 Case Discografiche e sembra che in tutti gli otto i casi la canzone ha per titolo “Hallelujah”. Anche in questo contesto la canzone è famosissima, per sicurezza controllo ed effettivamente sembra uguale.
Comincio ad avere un po’ di tachicardia, e mi domando cosa faccio? E soprattutto perché mi devo trovare in queste situazioni per una traccia audio che lo stesso YouTube mi fornisce gratuitamente, e che inserita nel video posso anche monetizzare? Bella domanda!
Anche in questo frangente ho usato il reclamo del fair use ( è l’ attesa è lunga), ma la prossima volta elimino il video e basta. Torno indietro un momento, perché nel primo video, quello di “Jingle Bells (Vocals”, avevo dato la colpa ai rumori di sottofondo che potevano disturbare il sistema di riconoscimento dei contenuti di YouTube (Content ID), ma nel caso del secondo filmato mi devo ricredere, in quanto la musica è stata messa senza nessuna aggiunta di rumori ambientali. Adesso non mi resta che aspettare (nel frattempo evito di musicare altri video con le tracce della libreria musicale di YouTube).
Se qualcuno ha avuto problemi simili lo invito a lasciare la sua testimonianza in proposito perché potrebbe servire ad aiutare altri. Musica della libreria di YouTube nei video? OK, ma attenti al copyright! Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*