Terremoti: uno strano fenomeno

Terremoti e uno strano fenomenoSiamo a Mira in provincia di Venezia, le immagini che ho girato personalmente con il telefonino mostrano uno strano fenomeno che si sta verificando da circa 15 giorni, per essere più precisi questi “stani animaletti” sono comparsi qualche settimana prima del tremendo terremoto che ha devastato l’ Emilia, prima di questi funesti avvenimenti di loro nessuna traccia o quantomeno non me ne sono mai accorto, ma è evidente che c’è stato qualcosa che li ha fatti venire fuori in gran quantità che prima non c’era.
Questi strani animaletti, hanno fatto la loro comparsa all’improvviso, inutile dire che se si prova a toccarli, si arrotolano su se stessi come in una sorta di auto protezione, e come si può notare questi “insetti” camminano tranquillamente lungo i muri, e i balconi delle case e sono abbastanza numerosi in certi punti.
Ho cercato di capire di cosa si tratta e cercando in “rete” risulta che siano dei crostacei appartenenti all’ordine degli Isopodi che vivono prevalentemente in ambienti bui, e umidi,  la loro origine risale a circa 50 Milioni di anni fa quindi abbastanza datati nel tempo come origine.
Molto probabilmente questi esseri minuscoli sono dotati di un “sesto senso” (come gran parte degli animali), sicuramente (a mio parere) è presumibilmente sembra che gli stessi abbiano avvertito il sisma parecchi giorni prima del suo arrivo e di fatto si sono portati in superficie, invito chi avesse altre notizie più dettagliate a proposito di questi animaletti è pregato di segnalarcelo tramite un commento che sarà integrato in questo post.
Capirete che resta la curiosità di sapere se sono “legati” in qualche modo al fenomeno sismico, o si tratta di uno strano caso isolato che nulla a che vedere con i terremoti, in ogni caso sarebbe opportuno capirlo.
Se volete comunque commentare quanto scritto vi invito a lasciare un commento scritto. Grazie.

3 thoughts on “Terremoti: uno strano fenomeno

  1. Anche da me sono comparsi lo stesso periodo, mi sa che hanno a che fare con il sisma. Prima non cèrano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*