Politici: vinciamo sempre noi

Politici: vinciamo sempre noiPurtroppo è cosi, vincono sempre loro! Anche se gli italiani decidessero in massa di non presentarsi ai seggi ai politici bastano una manciata di voti per essere eletti e “spartirsi” così i miliardi di euro che sono in “gioco” tra le paghe, e i rimborsi elettorali ecc.. (ma è solo una piccola fetta di torta) con le leggi che si fanno a loro favore potrebbe risultare che se anche un solo italiano si recasse a votare loro sarebbero eletti ugualmente e i soldi per i rimborsi elettorali sono percepiti nella misura intera su tutti gli aventi diritto al voto (ottima idea, perché sono decine di milioni gli elettori).
La “cosa” che in questo periodo lascia più esterrefatti soprattutto chi è senza lavoro, e deve inventarsi tutti i giorni “qualcosa” per tirare avanti (compreso rubare nei supermercati) è il semplice fatto che nessuno dei politici vuole nominare i disoccupati, e il motivo non sono riuscito a capirlo.
I disoccupati sono milioni, se anche uno solo dei politici che sta per presentarsi alle elezioni prendesse a cuore la loro causa, viene da se che riceverebbe i loro voti, e sarebbero tanti voti, milioni di voti.
Ma allora come mai nessuno li nomina nel loro programma? I disoccupati sono una “vergogna”? si devono tenere nascosti per non farlo sapere? Sono persone “spacciate” che nessuno vuole salvare? Cosa c’è sotto questo grave problema sociale che i governi delle passate, e presenti coalizioni, hanno contribuito a creare e non hanno mai voluto, o potuto debellare?
La risposta non la sapremo mai, o meglio la sapremo tra moltissimi anni quando la crisi sarà finita. Quindi è meglio tenere i disoccupati nascosti che dargli un lavoro magari quel tanto che possa sopravvivere.
A voi ogni qualunque conclusione, se volete commentare avete lo spazio necessario. Scrivete. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*