Mira, ancora furti di rame lungo le strade

Mira, ancora furti di rame lungo le stradeSta aumentando in modo esponenziale e non sembrano arrestarsi i furti di rame lungo le strade di Mira – Venezia (ma è solo uno dei tanti comuni italiani che hanno questo particolare fenomeno, che è in forte aumento), e in particolare i cavi elettrici che alimentano i lampioni per l’ illuminazione notturna, la scorsa notte è stata presa di “mira” la strada provinciale 22 (il tratto che da Piazza Vecchia di Mira porta in direzione Oriago per immettersi nella SR 11), questa volta a “pagare” è l’ ente Provincia di Venezia.
Tuttavia quest’ultimo tentativo di furto è andato male ai “furbetti”, evidentemente qualcosa e/o qualcuno ha disturbato il loro “lavoro”, e hanno abbandonato l’ idea di racimolare diversi euro con la vendita dei cavi rubati, che comunque avevano già provveduto a tagliare.
Questi furti e/o tentativi di furto di rame lungo le linee di alimentazione pubblica, vengono a costare per la loro riparazione, o messa a nuovo dei cavi, molti euro ai rispettivi enti che di conseguenza (purtroppo), dovranno far ricadere sotto forma di tasse alla cittadinanza, senza contare che la strada buia diventa fonte di pericolo per gli stessi automobilisti di transito.
Oltre ai tratti di cavi per la luce notturna lungo le strade, da qualche anno vanno prese molto in considerazione dai ladri di questo “nobile” metallo, anche le cabine elettriche, ed i tratti di ferrovia (senza considerazione, da parte degli stessi che si può rischiare la vita), da ricordare qualche mese fa, la brutta fine di un’ operaio Albanese che nel tentativo di “strappare” rame da una cabina elettrica presso la fabbrica dismessa Sirma a Malcontenta, rimase folgorato da una scarica di 20.000 volt (e non è la prima volta che in Italia qualcuno perde la vita in questi tentativi).
Altro fatto accaduto  in zona è proprio qualche giorno fa, un tentativo di sottrarre rame da una vano elettrico che alimenta il tram di Mestre-Venezia ha di fatto mandato in tilt il tram stesso, che è rimasto fermo per qualche giorno per permettere le dovute riparazioni, fortunatamente per questo ultimo tentativo di furto non si hanno notizie di feriti.
Se volete commentare quanto scritto o volete aggiungere altro scrivete pure. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*