Adolescenti che scherzano e si fanno male

Adolescenti che scherzano e si fanno maleQuesti episodi alquanto “tragicomici” sono fuori dal controllo dei vari genitori, a volte gli stessi non sanno assolutamente di cosa stanno facendo i rispettivi figli anche perché i figli “birichini” dicono di essere in un posto invece stanno facendo ben altro. In questo specifico episodio siamo a Mira in provincia di Venezia, esattamente in un piccolo parco pubblico posto in periferia della città situata in Riviera del Brenta, molti  di questi adolescenti (ragazzi tra i 10 e 16 anni) hanno una spiccata tendenza per trovare il modo di farsi male, ovviamente le raccomandazioni dei genitori sempre preoccupati non sono mai prese in considerazione, il dire loro “fai attenzione a non farti male” in molte circostanze non viene preso in considerazione.
nel caso specifico che ho rinvenuto in rete su un canale YouTube si può vedere questo ragazzo, Enrico, che in questo video ripreso da una sua amichetta con il telefonino rischia di ricorrere alle cure del pronto soccorso in quanto lo stesso sta cercando di passare davanti ai suo compagni che stanno utilizzando una piccola altalena per creare una sorta di gioco.
Il gioco tuttavia è alquanto “pericoloso” uno dei suoi amici che si dondola sull’altalena cerca di “fermarlo” con il piede e come se non bastasse alla fine viene colpito in pieno in malo modo, Enrico finisce a terra e sembra lamentarsi ma il tutto poi finisce bene, per fortuna.
Siamo come al solito in quelli che io chiamo “scherzi tra adolescenti” molte volte questo tipo di gioco può avere conseguenze serie, lo stesso ragazzo del video è inevitabile che con i piedi venga colpito e scaraventato per terra, quindi poteva andare peggio. La mia raccomandazione è quella di non imitarli assolutamente, quello che molti ragazzi considerano gioco può a volte trasformarsi in “cure mediche”.
Se volete commentare questo episodio avvenuto a Piazza Vecchia di Mira vi invito a scrivere. Grazie.

7 thoughts on “Adolescenti che scherzano e si fanno male

  1. Gli “tirerei” le orecchie quando fanno cosi, speriamo vadino a scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*