Microsoft, Jerry Nixon: Windows 10 sarà ultimo OS

Microsoft, Jerry Nixon Windows 10 sarà ultimo OSJerry Nixon, responsabile dello sviluppo di Microsoft, ha annunciato in una conferenza stampa tenutasi la scorsa settimana, che Windows 10 potrebbe essere “l’ultima versione” del Sistema Operativo desktop prodotto da Microsoft Corporation. Questo comunque non vuol dire che la famosa casa di Redmond, voglia abbandonare i suoi affezionati clienti che usano Windows da decenni, l’OS potrebbe cambiare nome e modo di interagire con l’ utilizzatore, ma la qualità, e l’affidamento saranno migliorate.
Microsoft In un comunicato ha fatto sapere che le dichiarazioni fatte da Jerry Nixon riflettono appieno un cambiamento del modo in cui il suo software verrà fatto in futuro. Non ci sarà nessun Windows 11, il nuovo Sistema Operativo sarà orientato a fornire un servizio innovativo con aggiornamenti che saranno rilasciati in modo continuativo, la società ha voluto far sapere che deve ancora decidere come chiamare il successore di Windows 10.
“E’ escluso che ci sia Windows 11”, ha annunciato Steve Kleynhans, vicepresidente della società di analisi Gartner – Microsoft, lo stesso a continuato facendo sapere che Microsoft aveva in precedenza volutamente evitato di usare il nome “Windows 9”, dopo Windows 8, ma ha scelto di chiamarlo Windows 10, come un modo per dimostrare una separazione con un passato che ha visto versioni successive del sistema operativo con in comune lo stesso nome.
Questo comunque non significa (come detto poc’anzi) che Windows non ci sarà più, il Sistema Operativo “dominante” sarà sempre presente, ma lo stesso potrebbe avere aggiornamenti continui dove (probabilmente), con il passare degli anni cambierà nome in automatico.
Cosa ci riserva il futuro non lo sappiamo (per il momento), presumibilmente ci ritroveremo ad usare un interfaccia grafica che cambierà man mano che gli aggiornamenti saranno installati, tuttavia resta la “classica” incognita”: se Microsoft ci aveva abituato ad acquistare un nuovo Sistema Operativo ogni 3 anni (circa), casa succederà con le future “versioni”? Quanto costeranno ai clienti di Windows queste nuove “realtà” tecnologiche? Aspettiamo di sapere ulteriori sviluppi.
“Windows non più Windows, questo è il problema”. Vi invito a scrivere un messaggio se vi va di commentare quanto scritto, o, se avete altre informazioni utili di condividerle, potrebbero essere di aiuto ad altri. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*