Messico, Joaquin Guzman evade ancora

Messico, Joaquin Guzman evade ancoraLo chiamano El Chapo (Joaquin Guzman), era rinchiuso in un carcere di massima sicurezza in Messico, ma stranamente è riuscito ad evadere, e questo per la seconda volta; secondo quanto dichiarato dal comitato per la Sicurezza Nazionale del Messico, Guzman era stato visto l’ultima volta nelle docce della prigione Sabato, poco prima delle 21 (ora locale) poi di lui si sono perse le tracce. Alla testa del potente cartello di Sinaloa, è fuggito dal carcere in cui era detenuto dal febbraio 2014. La prima fuga nel 2001.
Joaquin Guzman, è uno dei più “potenti” narcotrafficanti messicani, pochi possono vantare una “potenza” in tal senso nel mondo. Lo stesso era stato arrestato e chiuso in carcere di massima sicurezza nel Febbraio 2014, La sua cattura era stata una “liberazione” per il governo del Messico, ma Guzman è riuscito a fuggire, per la seconda volta nel giro di quattordici anni.
Come già detto in precedenza, per Guzman non è la “prima volta, al suo attivo vanta anche una rocambolesca evasione nel 2001, dove un carcere di massima sicurezza messicano, fuggiva nascondendosi in un cesto della biancheria, dopo aver corrotto funzionari della prigione; è proprio quest’ultimo particolare che potrebbe dare da pensare.
Nato nella città di Badiraguato, 57 anni fa, era diventato una figura importante nei cartelli della droga degli anni 1980. Il suo cartello controlla gran parte del flusso di cocaina, marijuana e metanfetamine verso gli Stati Uniti, per questo motivo in USA, su di lui pendeva un accusa federale per traffico di droga con la ricompensa di 5 milioni di dollari a chiunque fornisse informazioni utili alla sua cattura.
Joaquin Guzman stava scontando una pena di oltre 20 anni, dopo essere stato arrestato in Guatemala nel 1993. Il suo arresto lo scorso anno, era stato un successo per il presidente messicano Enrique Peña Nieto. Al momento del suo arresto Guzman è stato fatto “sfilare” davanti ai media a Città del Messico, affinché potessero prenderne visione.
Vi invito a lasciare un messaggio se vi va di commentare quanto scritto, oppure se avete altre informazioni utili sulla fuga de “el Chapo“, potrete “completare” questo post. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*