Marcon, furto all’ ecocentro: arrestato Extracomunitario

Marcon, furto all’ ecocentro: arrestato ExtracomunitarioQuello del fenomeno del furto di materiale vario negli ecocentri è sempre stata una “spina nel fianco” per le aziende che svolgono questo genere di servizio nei vari comuni italiani che effettuano la raccolta differenziata, a questo si aggiunge un danno non di poco conto per i comuni stessi che dalla vendita del materiale raccolto in cassano qualche “spicciolo” per coprire (in parte) le spese necessarie a mantenere efficienti gli ecocentri.  A farne le “spese” questa volta è stato l’ecocentro di Marcon in provincia di Venezia, fortunatamente proprio mentre si stava compiendo la classica “razzia” in orario in cui l’ecocentro è chiuso, una pattuglia di Carabinieri che passava in via Praello ha notato un gruppo di persone che erano intente ad asportare materiale vario portandolo all’esterno del recinto da qui sono scattati gli arresti per di un cittadino Extracomunitario (come riporta la Nuova di Venezia) mentre altri complici sono riusciti a dileguarsi.
Il cittadino Extracomunitario è stato accusato di furto aggravato. Sempre sulla pagina della “Nuova di Venezia” non ho potuto fare a meno di notare un commento che io definisco interessante, un signore (Nicolò) in buona sostanza propone che gli ecocentri siano aperti per i cittadini che voglio recuperare qualcosa.
Ecco il commento: i comuni italiani dovrebbero lasciare le porte degli ecocentri aperte e permettere ai cittadini di recuperare ciò che vogliono invece di cercare di tenersi tutto. Sarebbe comunque riciclo (posto che non siano rifiuti pericolosi).
Quanto detto da Nicolò mi trova in buona parte d’ accordo, ma mettere in atto quanto descritto poc’anzi diventerebbe abbastanza costoso (ci vorrebbero ecocentri più grandi), nonché pericoloso per gli utenti stessi, che comunque si troverebbero la maggior parte delle volte in diretta competizione del tipo: “l’ ho visto prima io”, tuttavia si potrebbe fare ma questo spetta a chi di dovere.
Voi cosa ne pensate dei furti negli ecocentri italiani, e della possibilità di aprirli ai cittadini che vogliono riciclare qualcosa di utile? Lasciate un vostro commento. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*