Lollipop, un successo durato troppo poco

Lollipop, un successo durato troppo pocoPer scrivere questo post sul gruppo musicale delle Lollipop devo tornare indietro nel tempo fino ai primi anni duemila, tuttavia non ricordando i particolari che riguardano queste 5 splendide ragazze che in quel periodo avevano avuto un successo straordinario mi sono affidata per quanto possibile alla rete sperando inoltre che le informazioni raccolte siano almeno in parte esatte. Di recente mi è capitato di guardare un programma televisivo (in tarda serata) che parlava proprio di questo gruppo musicale tutto al femminile e cosi ho deciso di scrivere qualcosa così tanto per ricordare. Marcella, Marta, Veronica, Roberta e Dominique formano la band musicale grazie alla partecipazione delle stesse ad un talent scout musicale chiamo Popstars, loro vengono scelte tra una miriade di ragazze che avevano partecipato alla selezione e iniziano cosi a incidere i primi brani e ovviamente i primi video.
Il successo è pressoché immediato oltre a saper cantare le stesse (che hanno un fisico mozzafiato) e ballano in un modo che è impossibile non guardarle, il primo singolo dal titolo Down Down Down (genere pop music) che viene ballato in tutte le discoteche esce nella primavera del 2001 ed ha un successo strepitoso, le stesse Lollipop si ritrovano con la loro canzone ai primi posti della classifica vendendo nella solo prima settimana oltre 40 mila copie e successivamente le Lollipop ottengono il Disco di Platino, il video a cui fa riferimento la canzone è tra i più visti nei vari network che si occupano di musica e lo stesso riceve critiche favorevoli da molti critici che si occupano del genere.
Il successo continua, tra vari singoli che compongono il loro primo album e il tour estivo dello stesso anno. Nell’inverno del 2002 le Lollipop partecipano a Sanremo qui le “cose” non funzionano a dovere, probabilmente era stata usata una “metrica” diversa in quanto la band sul palco si muove a meraviglia ma la canzone non viene eseguita nel migliore dei modi tanto che si posizionano agli ultimi posti della classifica sanremese ma le vendite del brano dal titolo “Batte Forte” (cantato in italiano) ottengono un discreto successo, durante l’ estate le Lollipop incrementano il successo con una serie di concerti che le tengono impegnate per molto tempo.
Siamo nei primi mesi del 2003, in quel periodo esce “Credi a Me” ma il successo è scadente, lo stesso albun uscirà molti mesi dopo a causa di problemi sorti tra le stesse ragazze e la casa discografica, è “l’ inizio della fine”. L’ album esce in Gennaio 2004 e non ottiene il successo degno di tale nome, la casa discografica non ci sta e non rinnova più il contratto alle Lollipop che tra l’altro (come detto nella recente intervista dalle stesse) avevano già “dissapori” tra di loro.
Le Lollipop si sciolgono definitivamente nella primavera del 2004, inutile dire che poteva andare diversamente ma questa è la realtà, nella seconda parte degli anni duemila le ragazze partecipano (senza Dominique tornata in Francia) a qualche trasmissione televisiva, le stesse nel 2013 decidono di riprovare il “gruppo” presentando un ritorno a 4 ovviamente senza la bella Dominique di origine belga che nel frattempo era tornata in Francia per intraprendere altre attività.
Il gruppo formato da Marcella, Roberta, Marta e Veronica, (più belle che mai) “scende in campo” nella primavera del 2013 ottenendo un discreto successo grazie a qualche brano inedito, purtroppo il successo strepitoso ottenuto nei primi anni duemila non si rinnova. Attualmente le Lollipop sono in attesa di “riprendere il viaggio” in un mondo musicale che forse era il caso di perseverare a suo tempo. Qualche settimana fa nella trasmissione televisiva (di cui accennavo sopra) le “ragazze” hanno avuto modo di raccontare la loro storia di cui ho trovato lo spunto per questo post.
Potevano essere le “Spice Girls” italiane (a mio parere lo erano già) ma a volte il destino vuole ben altro e francamente non mi sento di dire più nulla a proposito. Se invece qualcuno dei lettori volesse aggiungere altro o semplicemente commentare quanto scritto invito gli stessi a lasciare un messaggio. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*