Formaggini Ramek, costavano troppo di Paolo B.

Formaggini Ramek, costavano troppo di Paolo B.Salve a tutti voi, quest’anno nel Regno Unito la primavera tarda ad arrivare e a tutt’oggi siamo sotto la neve e freddo pungente, mentre guardo la neve scendere, la mia mente mi fa balzare indietro di circa quarantotto (48) anni, a quel tempo molta gente non aveva la possibilità di fare la spesa come si fa adesso, si poteva solo comprare lo stretto necessario giornalmente, non c’erano I supermercati di adesso, per tante famiglie la carne la si poteva comprare si e no una volta la settimana, e per altre forse una volta al mese ci si doveva arrangiare con uova, pasta, formaggio oppure pesce.
Sempre in quel periodo, nelle botteghe (cosi si chiamavano e non supermercati), c’erano in vendita I formaggini Ramek, Star e altre marche ma non tutti se li potevano permettere perché costavano troppo.
Tra gli affettati si poteva comprare la mortadella che costava relativamente poco, la pasta era possibile comprarla anche sfusa  (perché era possibile venderla anche sfusa), cosi anche per lo zucchero e tante altre cose.
Adesso i tempi di allora non ci sono più e si può avere tutto il benessere di cibo che vogliamo ma per molte persone questo non è abbastanza, alcune volte si lamentano che vogliono delle cose diverse da mangiare.
Oggi abbiamo la tv in ogni stanza della casa, la troviamo in giro dappertutto, supermercati, negozi, rivendite di auto ecc.… allora avevamo solo la Rai e i programmi incominciavano alle ore 17.00 e finivano alle 23.00, le partite in diretta si vedevano soltanto quando giocava la Nazionale, per le altre si potevano vedere soltanto registrate e solo la domenica sera, e la pay tv non si sapeva cosa fosse.
Oggi invece tutto questo è possibile e molta gente pur di guardare le partite rinuncia a tutte le cose primarie e necessarie in una famiglia e dopo si lamentano che non arrivano con I soldi alla fine mese, oramai lo sport ha contagiato tutti, ricchi e poveri, lavoratori e pensionati.
Noi tutti oggi viaggiamo in macchina e andiamo dappertutto, fra poco andremo anche al bagno con la macchina, andiamo in ferie, al supermercato e facciamo tanti chilometri, mentre potremo risparmiare facendo la spesa vicino casa, andiamo in macchina alle poste, scuola, uffici  pubblici, quando si potrebbe camminare per andarci.
Vogliamo andare nei parchi giochi, allo zoo, a vedere una esibizione, alle fiere, ai mercati settimanali, anche soltanto per guardare e Basta, dopo ci si lamenta che non si arriva alle fine del mese, vogliamo stare alla moda nel vestire come I ricchi comprando I capi firmati solamente per vedere sopra la natica il nome dello stilista stampato, tutte queste cose che ho menzionato dovrebbero fare riflettere che non si può avere dalla vita il Musso (asino) e anche le 50 lire (vecchio proverbio Italiano) soprattutto noi persone comuni lavoratori e pensionati.
Dobbiamo scegliere se arricchire di più personaggi dello sport oppure fare noi una vita più dignitosa, un Caro saluto da Paolo.
Se volete commentare o aggiungere altro a quanto scritto, scrivete un messaggio. Grazie.

https://youtu.be/2JhWfvc3dFg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*