F1: Alonso e lo spettro del passato

F1 Alonso e lo spettro del passatoSi è aperta oggi in Australia la stagione 2016 del Campionato Mondiale di Formula 1, non è andata nel migliore dei modi per Fernando Alonso, il già 2 volte campione del mondo ha subito un brutto incidente, ne esce dolorante, ma fortunatamente senza gravi conseguenze. Il Pilota si è schiantato dopo aver toccato la monoposto di Haas Esteban Gutiérrez.
Lo spagnolo ha subito un grave incidente dopo aver urtato la vettura di Haas Esteban Gutiérrez durante un tentativo di sorpasso. La macchina di Alonso ha colpito la parete laterale, e si è capovolta, a fermare la sua corsa ci ha pensato la barriera di pneumatici, posizionata sulla ghiaia della curva 3 del circuito di Albert Park.
Voglio ringraziare la McLaren e la FIA per la straordinaria sicurezza della monoposto, e anche per i miei compagni di squadra e tifosi che erano preoccupati, e per il loro sostegno incondizionato – ha detto lo Alonso dopo la gara.
La McLaren di Alonso, dopo l’urto, è andata completamente distrutta. Impressionante la vista dell’auto ma Alonso non ha subito lesioni. Anche il pilota Messicano Gutierrez a seguito dell’urto è rimasto illeso.
La gara è rimasta sospesa per alcuni minuti per permettere agli addetti di pulire la pista. L’incidente si è rivelato essere determinante per l’esito della gara. Nico Rosberg, che era secondo, ha approfittato dell’arresto per montare un set di gomme medie. Il campione Sebastian Vettel, della Ferrari, ha optato per gomme morbide, scelta non proprio azzeccata perché si è dovuto recare di nuovo box, dando così la vittoria al connazionale Mercedes.
Vi invito a lasciare un messaggio se vi va di commentare quanto scritto, oppure se volete correggere eventuali errori, o, se avete altre informazioni, o magari avete altre notizie relative all’incidente di Fernando Alonso, e volete dire la vostra a riguardo, potete integrare questo post. Grazie.

Un commento su “F1: Alonso e lo spettro del passato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*