Due Giugno, festa della Repubblica: Donne in pericolo

Due Giugno, festa della Repubblica Donne in pericoloIn questa giornata di festa, in molte città (soprattutto quelle di Arte), i negozi sono aperti per permettere ai residenti, e turisti di fare la spesa. Le immagini che vedete nel video sottostante il post arrivano da Mira in provincia di Venezia, si può vedere questa donna, un’ operaia di un piccolo supermercato che si appresta a “collocare” la bandiera Italiana in segno di festa, ma lo fa utilizzando una scala a libro messa in una posizione abbastanza pericolosa, la cosache subito “salta all’occhio” è che nessuno dei suoi colleghi la sta aiutando (forse sono troppo impegnati), per  reggergli la scaletta.
Altro particolare importante da notare, è che solo a qualche centimetro davanti a lei c’è la strada Regionale 11 (SR11) trafficatissima, se cadesse da quel lato ci sarebbero delle gravi conseguenze. Purtroppo in questi ultimi anni il personale lavorativo (un po in tutti i settori) è costretto a fare i conti con la crisi che sta “aggredendo” in modo serio una parte dell’Europa costringendo al sempre più “assottigliamento” del personale stesso che di conseguenza deve adattarsi a lavorare anche da solo, ma in alcuni casi è abbastanza logico il pericolo che questo comporta. Di sicura nel prossimo futuro questo “comportamento” sarà “legalizzato” in barba alle più elementari norme antinfortunistiche.
Il Due Giugno viene celebrata la festa della Repubblica Italiana, ricordata appunto in memoria della nascita della Repubblica. Il 2 e il 3 giugno 1946 si sostenne, il plebiscito istituzionale indetto a suffragio universale con il quale gli italiani venivano chiamati alle urne per manifestare su quale forma di guida, regno o Repubblica, dare al Paese, in seguito alla fine del dittatura fascista. Dopo 85 anni di reame, con 12.718.641 voti contro 10.718.502 l’Italia diventava Repubblica e i monarchi di casa Savoia venivano allontanati in esilio.
Oggi il rituale prevede il collocamento di una corona d’alloro al Milite Ignoto accanto a l’Altare della Patria e una parata militare alla cospetto delle più alte cariche dello Stato.
Se avete commenti da fare, o volete aggiungere di vostro a quanto scritto, siete liberi di lasciare un messaggio. Grazie.

9 thoughts on “Due Giugno, festa della Repubblica: Donne in pericolo

  1. Dovrebbero metterlo al “fresco” il datore di lavoro, non si lascia lavorare cosi una donna.

  2. La solita stiria, parlano tanto di sicurezza, corsi di qua corsi di la, ma alla fine siamo messi cosi

  3. si nota che il proprietario del negozio, è un irresponsabile, non si fanno lavorare cosi i dipendenti, è pericoloso

  4. A vote resto sorpreso da certe cose, ma dove sono gli ispettori del lavoro?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*