Costa Concordia, Primo Anniversario

Costa Concordia, primo anniversarioEra il 13 Gennaio del 2012, ed erano le  ore 21.45 quando la nave da crociera Costa Concordia di proprietà della compagnia Costa Crociere, a causa di una manovra “azzardata” vicino all’ isola Del Giglio (Grosseto), urta un grosso scoglio che provoca uno squarcio lungo la fiancata sinistra, squarcio che  in poche ore affonda quasi del tutto la nave. A distanza di 12 mesi, non sono ancora del tutto chiare i particolari dell’ accaduto, ne tanto meno di chi sono le reali colpe che hanno causato la morte di 32 persone, con 2 corpi ancora dispersi. Il 13 Gennaio 2013, per ricordare le vittime di questo brutto naufragio dalle conseguenze disastrose all’ Isola del Giglio si è svolta una commemorazione con la presenza dei parenti delle vittime e delle autorità di competenza.
Intanto la nave è ancora lì, riversa come la tragica notte di un’ anno fa e con molta probabilità i lavori per la sua rimozione definitiva dureranno fino a Settembre 2013 (tempi da verificare), e con un costo di recupero che potrebbe superare i 380 milioni di euro.
Il suono prolungato delle sirene dei battelli, e quanti con le barche hanno voluto assistere da lontano all’ evento ha salutato la restituzione in mare dello scoglio delle Scole contro cui lo scorso anno andò a urtare la Costa Concordia prima di affondare.
Alla cerimonia, che apre una serie di iniziative previste per l’anniversario della tragedia era presente anche il capo della Protezione Civile Franco Gabrielli. Lo scoglio restituito al mare era stato staccato nell’ urto dalla Costa Concordia ed era rimasto conficcato nella lamiera per molti mesi.
Per il tentativo di recupero  della Costa Concordia sono già a lavoro gli esperti, molte ipotesi avanzate che sono al vaglio degli ingegneri, con molta probabilità verrà chiamata una grande impresa che si occupa di recupero navale, anche se risollevare la Concordia costerà parecchi milioni, la manovra vale almeno per ritrovare i 2 corpi dispersi nel naufragio, ma per sapere come e quando dovremo aspettare qualche anno. Se volete dare la vostro parere su quanto da me scritto vi invito a scrivere un messaggio. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*